Username
Password

Video Tutorial

Vuoi diventare un mago del computer? segui le migliori Video Guide del Web
Rispondi Invia Nuova Discussione 
Wednesday, 11 January 2006, 01:01
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

[Win2003] Configurare il servizio DNS


Dopo aver visto come Installare Active Directory per rendere un Server Windows 2003 Controller di Dominio, in questo tutorial vedremo in maniera un po' più approfondita come configurare il Servizio DNS.

Il compito del DNS è quello di tradurre dei nomi mnemonici come ad esempio www.visivagroup.it in indirizzi IP. Un Domain Name System (DNS) è composto da un database distribuito di nomi che costituiscono una struttura ad albero denominata spazio del nome di dominio. Ciascun nodo nell'albero, insieme con tutti i nodi che contiene, viene chiamato dominio. I domini possono contenere sia Host (computer) sia sottodomini. Ad esempio il dominio visivagroup.it può contenere sia computer come www.visivagroup.it sia sottodomini come progetti.visivagroup.it che a loro volta possono contenere altri computer come ftp.progetti.visivagroup.it. Quando si crea un nuovo dominio principale, si deve necessariamente creare una nuova zona. Una zona è una porzione dello spazio del nome DNS. Ad esempio se creo una zona primaria contenente il dominio visivagroup.it e successivamente volessi creare il sottodominio progetti figlio del dominio visivagroup.it, potrei scegliere di creare il sottodominio progetti in una nuova zona per avere magari la possibilità in futuro, di spostare la gestione di quest'ultima su un altro server DNS. Un server DNS può essere configurato come server di nomi primario, come server di nomi secondario o come semplice server di cache. Il server di nomi primario è un server DNS che ottiene i dati relativi alle proprie zone direttamente dal proprio database situato localmente. Le modifiche relative a una zona, come l'aggiunta di un dominio o di un host, vengono comunicate al server di nomi primario che le memorizza nel proprio database. Un server di nomi secondario invece ottiene i dati relativi ad una zona direttamente da un'altro server di nomi della rete (primario o secondario). Questo procedimento viene chiamato trasferimento di zona. Il server di cache invece è un server di nomi il cui solo scopo è quello di effettuare le interrogazioni, memorizzare le richieste e restituire i risultati. Questi server non hanno autorità su alcun dominio e contengono solamente le informazioni memorizzate a seguito di un'interrogazione. Da notare che quando configuriamo il primo server DNS della nostra LAN, anche se questo è connesso fisicamente ad Internet, dovremo creare necessariamente un server di nomi Primario in quanto i server DNS pubblici presenti sulla rete Internet, rifiutano i trasferimenti di zona verso server DNS "privati".

Prima di configurare il servizio DNS è necessario decidere se lo spazio dei nomi utilizzato sulla LAN interna, debba coincidere con quello utilizzato all'esterno nel caso in cui si disponga di un dominio Internet regolarmente registrato come ad esempio visivagroup.it. Verrebbe spontaneo optare per questa soluzione ma esistono diversi motivi che rendono questa scelta poco opportuna per cui, a meno di esigenze particolari, è sempre meglio separare lo spazio dei nomi interno da quello esterno. Nel caso del dominio visivagroup.it regolarmente registrato su Internet, potremmo creare un dominio sulla nostra LAN interna col nome visivagroup.local oppure visivagroup.lan. Utilizzando uno di questi due suffissi infatti, avremo la garanzia che lo spazio dei nomi interno non potrà mai essere presente anche sulla rete Internet.

Questo tutorial sarà il proseguimento del tutorial nr.1 (Installazione di Active Directory) continueremo il nostro viaggio alla scoperta dei servizi più importanti che Windows Server 2003 ci mette a disposizione. Vedremo in particolare come inserire le zone DNS in Active Directory e come proteggere il nostro DNS per consentire solo gli aggiornamenti dinamici protetti; aggiungerò alcuni record Host come mail e www e anche un sottodominio che chiamerò progetti. inserirò un record MX, necessario se si utilizza un server di posta interno. Il record MX consente di indicare l'Host che gestisce la posta elettronica (Mail Server); se ad esempio creo un record MX che punta all'host mail, tutta la posta inviata a jarod@visivagroup.it verrà inviata al computer specificato nel recod MX ovvero mail. I record Host come www e mail sono record di tipo A; questo tipo di record viene utilizzato per associare il nome del computer che ospita il servizio ad un indirizzo IP. Se due servizi sono ospitati sulla stessa macchina (ad esempio www ed ftp), sul DNS possiamo creare un record Host di tipo A per il servizio www che punta all'indirizzo IP della macchina e un record CNAME (Alias) per il servizio ftp che punta al record Host www inserito prima. I record CNAME, servono proprio per poter utilizzare più di un nome per puntare allo stesso Host.

Nel video creerò sia una Zona di ricerca diretta che una Zona di ricerca inversa. La zona di ricerca diretta si occupa di convertire i nomi mnemonici in indirizzi IP; la zona di ricerca inversa, come si evince dal nome, si occupa esattamente dell'operazione inversa, ovvero traduce gli indirizzi IP in nomi. I record presenti nella zona di ricerca inversa sono solo dei "puntatori" ovvero dei collegamenti ai record presenti nella zona di ricerca diretta.

Per finire, solo un accenno alla funzionalità di aggiornamenti dinamici presente nel servizio DNS Microsoft a partire da Windows 2000 Server in avanti. Nelle ultime implementazioni del servizio DNS Microsoft, i client Windows 2000/XP/2003, possono aggiornare direttamente i loro record Host situati nella zona di ricerca diretta del server DNS. Questa funzionalità è utilissima nel caso si utilizzi un Server DHCP per l’assegnazione dinamica degli indirizzi IP. Come sappiamo, infatti, il Server DHCP non assegna sempre lo stesso indirizzo IP ad ogni client ma questo può variare di volta in volta. Grazie a questa funzionalità, il client ha la possibilità di aggiornare in tempo reale il proprio record Host situato sul server DNS. Da notare che questa funzionalità non era presente nel servizio DNS di Windows NT 4 e l’unico modo che si aveva per sopperire a questa mancanza, era quello di installare anche il servizio WINS che ha il compito di effettuare la risoluzione dei nomi NetBIOS in indirizzi IP.

ma ora veniamo alla pratica:

Se le istruzioni di questo tutorial vi saranno utili in ambito professionale oppure desiderate ricevere supporto da parte dell'autore, non dimenticate di cliccare sul tasto PayPal. E’ anche un modo per dimostrare che apprezzate il lavoro svolto e uno stimolo in più per il continuo miglioramento della qualità dei contenuti del forum.



__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  SkidArh+: Grazie, molto utile
Thursday, 12 January 2006, 09:52
SanK
 Stefano M.
 VG Vip
 
L'avatar di  SanK
 
 Località: Piacenza
 Età: 45
 Messaggi: 1,121

Fatto

Carino l'effetto del circolino rosso quando premi il tasto sx del mouse e circolino blu quando premi il tasto dx


Quote:
Prima di configurare il servizio DNS è necessario decidere se lo spazio dei nomi utilizzato sulla LAN interna, debba coincidere con quello utilizzato all'esterno nel caso in cui si disponga di un dominio Internet regolarmente registrato come ad esempio visivagroup.it. Verrebbe spontaneo optare per questa soluzione ma esistono diversi motivi che rendono questa scelta poco opportuna per cui, a meno di esigenze particolari, è sempre meglio separare lo spazio dei nomi interno da quello esterno. Nel caso del dominio visivagroup.it regolarmente registrato su Internet, potremmo creare un dominio sulla nostra LAN interna col nome visivagroup.local oppure visivagroup.lan. Utilizzando uno di questi due suffissi infatti, avremo la garanzia che lo spazio dei nomi interno non potrà mai essere presente anche sulla rete Internet.

potresti spiegare meglio questo punto ?

A me hanno detto il contrario.....nel senso che oramai, per motivi legati proprio al fatto di avere un dominio solo, nel caso sia registrato undominio su internet conviene scegliere proprio lo stesso nome ed eventualmente inserire nel dns una key www che punti a tale dominio (in caso contrario non sarebbe più visibile )

Esistono altre controindicazioni ?
__________________
SanK
    Rispondi Citando Rispondi
Thursday, 12 January 2006, 11:42
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Quote:
Originariamente inviato da SanK
Carino l'effetto del circolino rosso quando premi il tasto sx del mouse e circolino blu quando premi il tasto dx
Grazie!



Quote:
Originariamente inviato da SanK
potresti spiegare meglio questo punto ?

A me hanno detto il contrario.....nel senso che oramai, per motivi legati proprio al fatto di avere un dominio solo, nel caso sia registrato undominio su internet conviene scegliere proprio lo stesso nome ed eventualmente inserire nel dns una key www che punti a tale dominio (in caso contrario non sarebbe più visibile )

Esistono altre controindicazioni ?
A differenza di quanto si possa pensare, non tutti i domini internet sono associati ad un'indirizzo IP statico, anzi per la verità quelli dinamici sono in numero sicuramente maggiore. In questo caso creare il dominio interno con lo stesso nome di quello esterno crea grossi problemi perchè dalla LAN interna non si riuscirà ad accedere al sito internet dell'azienda e a tutti gli altri servizi di quest'ultima presenti all'esterno, a meno di modificare continuamente i record del DNS interno per aggiornare, di volta in volta, gli indirizzi IP degli host esterni che ospitano i suddetti servizi.

In definitiva, non esiste una regola generale su questo punto. Ogni azienda deve analizzare bene la propria situazione e attuare la procedura più idonea alle proprie esigenze.
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  SkidArh+: Grazie, molto utile
Thursday, 26 January 2006, 01:15
SanK
 Stefano M.
 VG Vip
 
L'avatar di  SanK
 
 Località: Piacenza
 Età: 45
 Messaggi: 1,121

Effettuando un po' di prove, tanto per prendere dimestichezza, mi sono accorto di una cosa strana:

Pur seguendo il tutorial passo passo, dopo aver creato nella zona di ricerca diretta il record mail tipo host(a) facendolo puntare al indirizzo del dns, dopo averli assegnato due alias (CNAME) pop e smtp mi sono accorto che nella zona di ricerca inversa su 192.168.0.100 come puntatore (PTR) ho solo server1.visivagroup.it e manca mail.visivagroup.it.

Dove posso aver sbagliato ?

p.s. sto utilizzando W2003 server enterprize edition senza SP1
__________________
SanK
    Rispondi Citando Rispondi
Thursday, 26 January 2006, 09:40
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Quote:
Originariamente inviato da SanK
Dove posso aver sbagliato ?
I motivi del mancato iserimento del record PTR possono essere 3:

1) Durante la creazione del record Host(A), la casella "Crea record puntatore (PTR) associato" non è stata selezionata.
2) Quando si crea il record Host(A), la zona di ricerca inversa non è stata ancora creata.
3) Dopo aver inserito il Record Host(A), la pagina della zona di ricerca inversa non è stata aggiornata (tasto funzione F5).

Nel caso nr.2 è necessario creare la zona di ricerca inversa e poi eliminare e ricreare il record Host(A) (vedere Video Nr.1).
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  SkidArh+: Grazie, molto utile
Thursday, 26 January 2006, 12:46
SanK
 Stefano M.
 VG Vip
 
L'avatar di  SanK
 
 Località: Piacenza
 Età: 45
 Messaggi: 1,121

Ho l'impressione di ricadere nel caso 1

Questa sera riprovo a fare i compiti e ti faccio sapere
__________________
SanK
    Rispondi Citando Rispondi
Friday, 24 February 2006, 00:18
SanK
 Stefano M.
 VG Vip
 
L'avatar di  SanK
 
 Località: Piacenza
 Età: 45
 Messaggi: 1,121

Stavo provando ancora un po' per capire bene il tutto........

ma è sorto un problema che tui spiego: al punto in cui lanci IE per verificare, sulla macchinawin XP dove sono installati i servizi www e FTP, il dominio www.progetti.visivagroup.it a te compare la schermata di IIS 5....a me invece chiede un userid ed una passw ......dove ho commesso l'errore ?

Se invece verifico ftp.visivagroup.it funziona tutto (entro nella cartella)
__________________
SanK
    Rispondi Citando Rispondi
Friday, 24 February 2006, 10:10
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Non hai commesso alcun errore...

Nel video avevo semplicemente cambiato la Home Directory per il sito Web Predefinito in C:\WINDOWS\Help\iisHelp. Mentre per default la cartella predefinita è C:\Inetpub\wwwroot.
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  SkidArh+: Grazie, molto utile
Monday, 31 March 2008, 12:31
Fabry5005
 Utente Assiduo
 
L'avatar di  Fabry5005
 
 Località: Toscana
 Messaggi: 305

scusate ma io ancora non ho capito una cosa. Il videotutorial era chiarissimo ma ancora non ho capito il perche dell' host www. Ho capito che serve per specificare il server web ma non ho capito se centra con il dominio internet o se si riferisce solo a quello locale, e se il nome www e' preso per comodita o e' necessario. Grazie.
    Rispondi Citando Rispondi
Monday, 31 March 2008, 12:53
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Nel video naturalmente ho lavorato sul Server DNS locale e tutte le operazioni che ho eseguito erano valide solo all'interno della rete locale. Tuttavia alcune operazioni mostrate nel tutorial sono valide anche su Internet. La creazione del record Host "www" ne è un esempio. Il "www" è una convenzione e non è obbligatorio, ma se vuoi che il tuo sito internet sia facilmente raggiungibile, ti conviene utilizzare il nome host "www" piuttosto che "pippo" o "vattelapesca".
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  SkidArh+: Grazie, molto utile
Monday, 31 March 2008, 20:31
Fabry5005
 Utente Assiduo
 
L'avatar di  Fabry5005
 
 Località: Toscana
 Messaggi: 305

Quindi se ho capito bene quel www permette di raggiungere il proprio sito web locale, indipendentemente se è raggiungibile dall'esterno. Perfetto grazie mille.
    Rispondi Citando Rispondi
Commenti a questo messaggio
  Jarod: Esatto!
Tuesday, 31 March 2009, 17:25
Strangy
 Utente Assiduo
 
 Messaggi: 117

ciao Jarod, ho dato uno sguardo al tuo tutorial fatto molto bene però vorrei che mi spiegassi una cosa: cosa intendi per "sulla macchina win XP dove sono installati i servizi www e FTP"?. Hai forse installato IIS per il servizio web? E per quanto riguarda l'ftp?
Ciao.
    Rispondi Citando Rispondi
Tuesday, 31 March 2009, 18:09
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Quote:
Originariamente inviato da Strangy
ciao Jarod, ho dato uno sguardo al tuo tutorial fatto molto bene però vorrei che mi spiegassi una cosa: cosa intendi per "sulla macchina win XP dove sono installati i servizi www e FTP"?. Hai forse installato IIS per il servizio web? E per quanto riguarda l'ftp?
A dire il vero, quella frase non è mia ma di SanK!!

Comunque sì, ho installato i servizi Web ed FTP di IIS.
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Saturday, 13 March 2010, 23:08
scevola
 
 Messaggi: n/a
Thumbs down

Complimenti per il tutorial , forse non è pertinente ma penso mi possa aiutare.

Ho creato , solo a scopo didattico , un server con windows server2008
Ora vorrei usarlo per fare hosting di un sito web caricato sul mio server
Ora mi chiedo se sia possibile ,acquistando un dominio con sola gestione dns , collegarlo al suddetto server.
Magari sto dicendo una banalità , cmq ripeto è solo per imparare e per curiosità.
Tenete presente che ho una semplice connessione adsl con router zyxel , l'ip che ho è dinamico ma userei quello assegnatomi al momento solo per capire se si può fare ....
Grazie a chiunque mi risponda
    Rispondi Citando Rispondi
Sunday, 14 March 2010, 08:56
Jarod
 Giancarlo
 Staff
 
L'avatar di  Jarod
 
 Località: Karalis
 Età: 51
 Messaggi: 4,516

Quote:
Originariamente inviato da scevola
Complimenti per il tutorial , forse non è pertinente ma penso mi possa aiutare.

Ho creato , solo a scopo didattico , un server con windows server2008
Ora vorrei usarlo per fare hosting di un sito web caricato sul mio server
Ora mi chiedo se sia possibile ,acquistando un dominio con sola gestione dns , collegarlo al suddetto server.
Magari sto dicendo una banalità , cmq ripeto è solo per imparare e per curiosità.
Tenete presente che ho una semplice connessione adsl con router zyxel , l'ip che ho è dinamico ma userei quello assegnatomi al momento solo per capire se si può fare ....
Grazie a chiunque mi risponda
Certo che si può fare. Basta acquistare un dominio con gestione DNS (anche senza spazio web), e poi creare un record Host (A) "www.tuodominio.it" che punti all'indirizzo IP del tuo server Web. Se non hai un indirizzo IP pubblico statico, puoi sempre utilizzare un servizio gratuito di DNS Dinamico come quello fornito da DynDNS.com oppure No-IP.com.

Nel tutorial su Exchange Server 2003 viene mostrato, tra le altre cose, come configurare il DNS del maintainer per utilizzare un proprio server di posta anche quando non si dispone di indirizzo IP pubblico statico. L'unica differenza rispetto al tutorial, è che sul tuo router dovrai effettuare il port forwarding delle sole porte TCP 80 e 443 (http e https).
__________________
Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)
    Rispondi Citando Rispondi
Rispondi Invia Nuova Discussione


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 

Thread già visto da:
SkyDiver, BigC, microzott, Andrea72, taunus, SataNik, Pocket, SilBerg, ggigi99, Duke Nukem, glaio, Biricchino, SkidArh+, MovX, ElettroGigio, pavel, indio, Jaco, athlon, Morpheus, M3rcur10, lurker1, RomeoKnight, SanK, Ampexv, paco, verbatim, elcobra, Jarod, Duilio, JoeBar, palin, Valentino28, Scarpetta, S71ng, Overhauser, ent, Byte01, kaos, bruno1, Foxes, Bramins, JaggyDj, ibby, Taglioecucito, BRICO, Skull, shaka, targetprice, enosim, alex41, ale82x, roditore69, cartes, Neles, FelixModena, cicciored, -c4-, elfichero, Asterix, darioanz, jeegset, alex4988, enniorob, redcell, luckyfat, bugmenot72, ericilrosso, criscanz, vinello, lele1981, cyberjabba, Strangy, gufo73, ivanmau, maranand, superjv, arllappa, egcfer, mcqueen, davide72, Remo®, Fabry5005, Luther71, Tabba, shaba, Slepland, Mig, jtd, dect, thehawk, tr4ding, mr.ummagumma, darhom, nicolaiuliano
Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata
Modalità Visualizzazione

top Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Attivo

Se hai problemi, contattaci


Visite Totali Posts: 41.624.670
Tutti gli Orari sono GMT +1. Attualmente sono le 06:03.

iGroup Black
Powered by vBulletin Versione 3.5.6
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: Enzo-Staff-VbulletinItalia.it
 
2000, 2012 © Visiva Group